La Commune de Paris. La Semaine sanglante. Mercoledì 24 maggio 1871.

La Commune de Paris. La Semaine sanglante. Mercoledì 24 maggio. Proseguono i combattimenti e gli incendi in Parigi. Quest’ultimi sono molti, causati dagli obici incendiari delle truppe assalitrici e dai comunardi per arrestare o rallentare l’avanzata nemica. Bruciano l’Hôtel de Ville (il Municipio centrale di Parigi) e la prefettura di polizia.

Il Quartiere Latino cade nelle mani dell’esercito di Versailles e aumenta il numero delle esecuzioni sommarie: se gli insorti parigini catturati sono in un numero superiore alle dieci unità si utilizzano le mitragliatrici per giustiziarli sul campo. Quale rappresaglia sei ostaggi prigionieri dei comunardi sono fucilati e tra questi l’arcivescovo di Parigi Georges Darboy. La resistenza parigina perde il controllo anche del Louvre, del Palais-Royal, del Panthéon. Verso mezzogiorno, il dottor Faneau, responsabile dell'ambulanza istituita nel seminario di Saint-Sulpice, viene giustiziato con 80 federati feriti. Sulla Riva sinistra resiste tenacemente il 13 ° distretto dove la Butte-aux-Cailles, al comando di Walery Wroblewski, con 16 cannoni affronta più di 80 cannoni di Versailles sparsi sui punti più alti già conquistati: Panthéon, Montagne Sainte Geneviève, Montsouris, place d'Enfer. Si combatte corpo a corpo e a colpi di baionetta.







3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti