Il Lago - La tecnica

 

 

La tecnica con cui nascono queste immagini è piuttosto complessa, laboriosa e lenta. All’inizio è una fotografia ripresa in luoghi e momenti personalmente significativi e ideali. In seguito viene l’elaborazione  che ricostruisce con tecniche digitali gli stilemi propri della fotografia stenopeica: caduta di luce agli angoli della foto, mancanza di nitidezza e altre problematiche di questa antica pratica fotografica che viene svolta con macchine fotografiche prive di lenti. Dopo, con una stampante, eseguo una stampa ai pigmenti su un supporto flessibile, poi faccio un trasporto d’immagine e trasferisco i pigmenti su una tavola di legno di pioppo. Il supporto flessibile viene tolto. In seguito do più mani di vernice di sandracca. Quindi l’encausto, cioè una colatura di cera d’api fusa assieme ad altre cere e resine naturali, ottenendo così ulteriori colorazioni e una superficie resistente e piacevolmente tattile. In ultimo la lucidatura della cera che è fatta manualmente e con pazienza nell’arco di un paio di settimane.

Torna alla Galleria