Aspri combattimenti alla Butte-aux-Cailles e a place Chateau-d'Eau

La Commune de Paris. La Semaine sanglante. Giovedì 25 maggio 1871. L’esercito di Versailles ha concentrato la sua offensiva contro la Butte-aux-Cailles, quartiere nella parte orientale di Parigi. Difronte ai 3.500 comunardi comandati da Wroblewski ci sono i 24.000 uomini del generale Cissey. Dopo ore di bombardamenti verso mezzogiorno inizia l'attacco generale. I Versagliesi si imbattono in imponenti barricate e nella tenacia dei migliori battaglioni della Guardia nazionale. I soldati di Versailles fanno saltare le mura dei giardini dell'ospedale Salpêtrière per consentire il passaggio delle proprie truppe. Questo movimento aumenta la pressione sulle retrovie federate e Wroblewski deve quindi ritirarsi verso la riva destra attraverso il Pont d’Austerlitz con mille uomini e parte della sua artiglieria. Molti federati rimangono nel loro quartiere, ma molti di loro vengono catturati e fucilati.

Altri aspri combattimenti si sono svolti a Place du Chateau-d ’Eau (poi Place de la République). Su questa barricata muore Delescluze, il delegato civile alla guerra che sostanzialmente è il ministro della guerra della Commune de Paris. Piuttosto che essere catturato si espone volontariamente al fuoco nemico.

Cinque domenicani di Arcueil e nove operai del convento sono uccisi a colpi d'arma da fuoco perché apparentemente in fuga perché accusati di essere delle spie dei versagliesi.



0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti